MIchele Angelicchio

L'abbandono, l'essere sospesi nel vuoto e lontani da tutti. L'impotenza politica e il riflesso di un immagine che riflette la reale situazione di un caso ancora non chiaro.. L'unica cosa chiara è vedere due 'Marinai Abbandonati...

Vota quest'opera!

Votazioni Chiuse.

Dimensioni
Marinai Abbandonati
Categorie
Pittura

Dello stesso artista

Biografia

Nato a San Giovanni Rotondo (FG) il 4 maggio 1979 e cresciuto in un paesino medievale chiamato Vico del Gargano (FG). Figlio di Antonio e Rosa, umile famiglia di artigiani uniti da solide tradizioni e cultura. Studia a Vico del Gargano dove già all'età di 7 anni era leader tra gli alunni delle elementari per le sue abilità artistiche nel realizzare con gessetti da lavagna le immagini riportate sulle pagine dei libri didattici. Nel 1992 partecipa a una gara artistica di pittura a Vico del Gargano, ottenendo il primo posto assoluto, presentando un dipinto a tempera di un albero spoglio. Poter frequentare il liceo artistico poteva essere una delle sue massime aspirazioni, ma la lunga distanza chilometrica che separa Foggia da casa gli hanno impedito di frequentarla. Nel 1997 conclude gli studi di maturità diplomandosi come tecnico elettronico. Nel 1999 assolve gli obblighi di leva e nell'occasione partecipa ad un concorso interno proseguendone la carriera, ma nello stesso tempo "trascurando" la passione artistica. Si trasferisce a Viterbo, poi a Cesena, a Verona, a Roma e a Bologna dove vive per 8 anni e dove ritrova la passione artistica realizzando nuovamente dei dipinti a penna. Nel 2007 si trasferisce a Muggia (TS) dove attualmente vive. Nel 2012 incontra l'attrice Martina Valentini Marinaz e la sposa nel 2014, che oltre ad aprirgli definitivamente il cuore, lo stimola artisticamente dopo anni di "letargo artistico". Attualmente si dedica nella realizzazione di disegni per quinte teatrali, come "Anima Senza Confine" e alla decorazione di muri arredando le case degli amici.